Sei il visitatore
 

 



La Riserva Naturale Integrale
"Grotta dei Puntali"
rappresenta una delle emergenze naturalistiche piu' interessanti della Sicilia occidentale, in quanto racchiude in sé testimonianze di alta valenza scientifica e storica legate a molteplici aspetti. Un vero e proprio scrigno contenente testimonianze paleontologiche, paletnologiche ed archeologiche oltre a numerose peculiarita' faunistiche (invertebrati cavernicoli e chirotteri) altrove raramente riscontrabili. Questo patrimonio di grande valenza naturalistico-scientifica e culturale é, dunque, indubbiamente da salvaguardare, ma anche da valorizzare, divulgare e rendere fruibile.
Il deposito fossilifero della Grotta dei Puntali rappresenta uno dei giacimenti piu' noti fra quelli a grandi mammiferi del Pleistocene superiore siciliano.
Il deposito ipogeo ha, infatti, restituito una grande quantita' di reperti fossili fra cui abbondano i resti delle ossa appartenenti alla specie Elephas mnaidriensis: una delle forme nane di elefante che caratterizzano le faune continentali pleistoceniche della nostra isola.
La fauna cavernicola é caratterizzata dalla presenza di vari tipi di ragni e soprattutto da Chirotteri (ben sei specie) conviventi.
All’esterno mammiferi, uccelli e rettili tipici del contesto ambientale in cui si trova la cavita'.
 

La Riserva Naturale Orientata
"Grotta della Molara"
rappresenta una delle emergenze naturalistiche piu' interessanti della Sicilia Occidentale, in quanto racchiude in sé testimonianze di alta valenza scientifica e storica legate a molteplici aspetti. Un vero e proprio scrigno contenente testimonianze paleontologiche, paletnologiche ed archeologiche oltre a numerose peculiarità faunistiche (invertebrati cavernicoli e chirotteri) altrove raramente riscontrabili. La Grotta é preceduta da un vasto antro, modellato dall’erosione marina.
Negli anni 1968 e 1975 vi sono stati condotti scavi archeologici che hanno interessato solo una piccola porzione del cospicuo deposito, fino alla profondita' di circa m.6. La Riserva é costituita dalla zona A, "area di riserva integrale" e dalla Zona B, "area di protezione della riserva (Preriserva)".
Grotta della Molara, é stata originata dall’azione erosiva del mare, con interni molto ampi si estende per un’ampiezza di oltre 500 metri quadrati, tra grandi colonne di stalattiti e stalagmiti, é possibile visitare i vari ambienti ricchi di concrezioni, che purtroppo recano i segni dei gravi danni subiti dalle esplosioni di cava, fino a qualche tempo addietro frequenti nella zona.



 

 

 

 

 

 

 

 

 


Coordinamento Riserve Naturali - Via Messina Marine 445 - 90123 Palermobr> Tel 3287045011 - Copyright © G.R.E. 2010 - Tutti i diritti riservati